I cavi Baldassari sono arrivati in Kenya

Marzo 2018

Lettera ricevuta da Padre Luigino Brambilla del Consolato Shrine Iuthu di Kangema (Kenya)

Caro Signor Baldassari,

vengo a dirle un grosso riconoscente grazie.

Il caro amico Vincenzo Manzoni mi ha fatto pervenire la vostra preziosa donazione di cavi e altro materiale elettrico, che ci aiuterà non poco a portare avanti alcuni progetti.

Sono certo che lui vi ha parlato della nostra missione e dei vari lavori che abbiamo in cantiere. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Stiamo sviluppando una scuola che ha ormai più di duecento bambini e che ha raggiunto la classe ottava. Agli esami si sono piazzati terzi su quaranta scuole del Distretto e quindi stanno facendo bene. Ora necessita di computers, richiesti dal governo per le classi superiori. L’edificio ormai è quasi completato con l’aiuto di diversi amici. Nella scuola almeno metà bambini vengono sponsorizzati perchè vengono da famiglie molto povere. Per loro noi provvediamo tutto: uniformi, libri e la retta che copre le paghe dei maestri e i pasti quotidiani.

Abbiamo completato o quasi due chiese cappelle che stanno a diversi chilometri dalla Missione e altre due sono da iniziare presto e si trovano a circa quindici chilometri per strade quasi impossibili.

Abbiamo un acquedotto di circa 5,00 km che porta acqua limpida dalla foresta al villaggio e alle scuole: anche questa è un’opera dove ci abbiamo messo più di un dito!

Partecipiamo allo sviluppo comunitario che la gente fa con diverse iniziative... e naturalmente non manca l’aiuto ai poveri (quanti bussano alla nostra porta: cibo, scuola, cure mediche... insomma siamo in un paradiso, ma non è perfetto!).

Ora, noi i debiti di riconoscenza li paghiamo con qualche preghiera, ma siccome le nostre valgono quello che valgono, invito sempre anche i nostri bambini a metterci la loro, che vale di più.

Che il Signore vi assicuri un sereno, anche se faticoso, lavoro. Un cordiale saluto e grazie di nuovo.

P. Luigino Brambilla

Consolato Shrine Iuthu

P. O. Box 382

Kangema (Kenya)

<<   Torna all'elenco News